lunedì 31 agosto 2015

le mie ricette: essiccare le mele...


Quando nell'orto abbonda la frutta non è facile conservarla; mica si può fare tutta marmellata....Poi non la consumiamo tutta ed allora ecco cosa ho fatto con le mie mele.


Mele essiccate






Ho tagliato a fette le mele lasciando anche la buccia poiché sono prive di qualsiasi trattamento.
Le ho stese in un solo strato su dei vassoi ricoperti con carta da forno e fatte essiccare una notte nel forno a legna.
Il forno a legna è utile non solo per cuocere ma anche per essiccare, frutta, pomodori, funghi,erbe aromatiche ed anche fiori.
Quando al mattino l'ho usato per cucinare, lo tengo chiuso ed alla sera inforno i prodotti da essiccare lasciando lo sportello leggermente aperto per far uscire l'umidità

gigli rosa (amaryllis)

dopo la calura estiva basta un acquazzone ed in pochi giorni questi gigli danno abbondanti fioriture



dopo la fioritura nascono le foglie per poi morire completamente ai primi caldi

domenica 30 agosto 2015

le mie ricette: torta di mele facile

Anni fa ero impegnata a fare un complicato dolce di mele, quando venne a casa mia un cuoco che l'estate lavorava a Forte dei marmi e l'inverno a Firenze e m'insegnò a fare questo dolce che anche non pesando g'ingredienti, come quasi sempre faccio, non si può sbagliare

torta di mele

ingredienti:
1 chilogrammo di mele,
350 g. di farina,
250 di zucchero,
150 g. di burro, 
un bicchiere circa di latte,
3 uova,
1 limone biologico o aroma di vaniglia,
una bustina di lievito per dolci.

Si, sbattono le uova con lo zucchero senza montare e sempre mischiando s'aggiunge il burro sciolto a bagnomaria.

Vi si aggiunge la buccia di limone grattugiata (solo la parte gialla) o la vaniglia, in un bicchiere si mischia latte e polvere lievitante e poi s'aggiunge all'impasto.

Si mischia bene e si aggiungono le mele tagliate a fettine.





Si versa il tutto in una teglia imburrata e spolverata con farina e si mette in forno già caldo a 180 
lasciando cuocere per 40 minuti circa






sabato 29 agosto 2015

44.444

      
                                                   44.444
                                                             
                        è il numero di visite che ha raggiunto in questo momento il mio blog.

                                            Grazie a tutti

                                                               Gabriella

                                   

buonanotte


buonanotte....per me s'è fatto tardi..



venerdì 28 agosto 2015

dal mio orto: "cappello del prete"

Buon giorno a tutti




Questo arbusto con forma cespugliosa è chiamato cappello del prete probabilmente per la sua somiglianza con i copricapo che usavano una volta i preti. in alcuni paesi viene chiamato anche fusaggine perché dicono che con il suo legno si facevano i fusi per filare la lana,
Ho lasciato che questa pianta, nata spontaneamente, crescesse nel mio orto per il solo motivo che mi piace vederla quando si ricopre di bacche mentre i fiori sono insignificanti. Da ricordare che le bacche sono molto velenose

marginette

Passeggiando nelle strade di paese si trovano spesso nei muri della vecchie abitazioni marginette.
Quasi tutte sono in marmo bianco della Apuane.


fiore in tessuto

fiore in tessuto appena terminato



                                                      fatto con nastro di raso

giovedì 27 agosto 2015

dal mio terrazzo: plumbago

Buongiorno e tanta "azzurrità" a tutti voi





angoli di paese 2 foto


un angolo di paese della Versilia

Peccato che parecchi anni fa abbiano tolto la massicciata per fare strade e scale in cemento




                                                      così erano le vecchie strade

marginetta

una marginetta che ho visto questa mattina lungo la strada, si trova nel muro di una vecchia abitazione



mercoledì 26 agosto 2015

dal mio terrazzo: begonia


Un fiore ed un buongiorno per tutti voi che mi seguite


azzurrità

buona notte a tutti voi chiunque ed ovunque siate



                                                    delphinium del mio orto

discorsi versiliesi: i dadi



"O....o..Ersi' datimi du'dati che il brodo di carne mi' ma' lo lascia per domanisera che vene a cena il damo dela mi' sorella"

dialoghi versiliesi: dottrina (catechismo)..

un tempo alla dottrina (catechismo)

Il prete: "chi ci ha creato?"

Un discolo: "mi pa' col pennato"

E poi il bimbo uscì di chiesa in tutta fretta perché il vecchio prete teneva a portata di mano una lunga canna che dava in testa a chi sbagliava la risposta

martedì 25 agosto 2015

le mie ricette: pomodori ripieni

Quest'anno nel mio orto abbondano anche i pomodori ed oltre a salse per l'inverno ed insalate l'ho fatti ripieni e cotti in forno.

i miei pomodori al forno, ripieni con riso e mozzarella



                              ingredienti.

                             pomodori rotondi,
                             riso,circa 200 g.
                             salsa di pomodoro,
                             olio extravergine,
                             2 mozzarelle,
                             50 g. formaggio grana,
                             sale e pepe

Si prendono pomodori rotondi e ben maturi, si toglie loro la calotta mettendola da parte e si svuotano, poi si salano all'interno e si lasciano capovolti al fine di fargli perdere liquidi.

Si cuoce il riso in acqua bollente, io ho usato l'arborio, a metà cottura del riso, se troppa si toglie un poco d'acqua e s'aggiunge un mestolo di salsa di pomodoro ed il sale.

Deve risultare come un normale risotto a cui s'aggiungono un pezzetto di burro ed il grana grattugiato.

Quando il riso è freddo o tiepido, si mischia con la mozzarella tagliata in piccoli pezzi, si assaggia e volendo s'aggiunge un poco di pepe.

Poi con il riso si riempiono i pomodori, si mette sopra la calotta, s'aggiustano in una teglia unta oppure rivestita con carta da forno e vi si versa sopra un filo d'olio.

Si cuociono in forno ben caldo per circa 30 minuti.


Non buttate la polpa tolta dall'interno dei pomodori si può aggiungere ai passati di verdura o salse, se non serve subito si congela.

lunedì 24 agosto 2015

dal mio orto: gigli

Buon fine giornata a tutti


                                 Questi gigli fioriscono a fine estate dopo le prime piogge
                               
                                Formano dei grandi cespugli e non l'innaffio mai nemmeno
                                 in lunghe estati calde come questa
                           

recuperare vecchi calzini

non buttate i vecchi calzini

mi raccomando



                                      Io sono solo un prototipo fatto in pochi minuti



                                                              Posso sempre migliorare



                                                Potete anche non crederci ma sono bello!!

                                               Me l'hanno detto due belle bambine..
                                               che questa mattina hanno giocato con me.

domenica 23 agosto 2015

Dialoghi versiliesi: al tempo del fascio...

" O Ugè' che hai da brontolà gia a bucoritto?"
"Guarda come m'hano sgraffio l'atomobile...ma se ce li pesco li denuncio.."
"Ci sarebbe da fa' come al tempo del fascio..... Quando c'era qualcuno che rompia i corbelli, era prepotente e facea la spia ai fascisti, si partia un dottre omini di bonessre, s'aspettava al buio e gli metteimo un sacco o una giubba a cappuccio e po' gli si dava una fracassata di colpi e se ne andaimo.
" sta tranquillo che quelo li un denunciava più nimo, diventava bono come un agnello e un dava più noia a nimo".

dal mio terrazzo...

dal mio terrazzo
buon giorno a tutti voi



                                                            Qui inizia a piovere

un detto della Versilia: Quattrini



"Per il dio quattrino si va in culo al Dio divino"


Questa frase vuol dire che in molti per il denaro son pronti a calpestare il mondo intero e chi l'ha creato

sabato 22 agosto 2015

dal mio orto: girasoli

Una buona sera a tutti voi


dialogo in versiliese: un ti ci dico


Due donne che litigano.

Motivo: un furto di cavoli neri.


"A!, brutto rospo, ti volei fa l'antruglia co' mi cavoli!!"

"Eo..E la ropa si piglia duv'è"

" Vorresti che ti dicessi Puttana?!, Ma io puttana un ti ci dico, ricorditi che io unt'ho ditto che sei sempre stata una ladra di puttana"

  Così dicendo voleva evitare una denuncia per offesa

le mie ricette: sugo alla povera

Una volta si chiamavano "alla povera" tutti quei piatti fatti con ingredienti semplici ed a costo molto basso, poiché veniva usato quello che c'era a disposizione ma non per questo sono meno saporiti.
il mio sugo alla povera


Paccheri con sugo alla povera
e scaglie di pecorino stagionato






Ingredienti:

                                 circa un chilogrammo di pomodori
 due cipolle,
           due spicchi d'aglio,
pepe e sale.





si tagliano le cipolle e l'aglio e si fanno soffriggere in poco olio a fuoco basso




Si pelano i pomodori, si tagliano e s'aggiungono alle cipolle.
Io ho usato questi pomodori del mio orto che se ben maturi 
si pelano senza senza sbollentarli.
Si lascia cuocere e s'aggiusta con pepe e sale.


venerdì 21 agosto 2015

la mia anima...

Ho lasciato che la mia anima vagasse per campi e boschi infiniti perché il suo dolore s'impigliasse nei rami. ....ma è riuscita soltanto a scavare una profonda ed incolmabile valle....che ora dovrò riempire di cose buone o cattive... a me la scelta......altrimenti in quella valle potrei irrimediabilmente  perdermi.....


Buona notte
               
                      gabriella

Dialoghi versiliesi

        dialoghi in versiliese tra Pietro ed un bimbo

"O, Pié domani forse more il mi nonno"
"me lo  dici tutte le matine"
"si m'ha ditto mi ma' che stà per mori'"

Una mattina, qualche giorno dopo....

" O, O, Pie' d'è morto il mi' nonno"
" Era l'ora!!"

giovedì 20 agosto 2015

Cristoforo Colombo non era uomo paziente

Tanti conoscono la storia di Cristoforo Colombo e l'uovo ma per chi non la conosce:
Si dice che durante un pranzo i commensali cercavano di di mettere un uovo in piedi; cosa che fu giudicata impossibile.
Ma Cristoforo Colombo batté l'uovo sul tavolo ammaccandone il guscio e lo mise in piedi allora tutti dissero che era cosa facile, ma lui rispose: "Voi avreste potuto farlo ma io l'ho fatto e questa è la differenza"


Ma, ammesso che la storia sia vera, posso dire che Cristoforo Colombo era uomo di poca pazienza perché altrimenti avrebbe fatto stare in piedi l'uovo senza ammaccarlo, come ho fatto io.


Non è cosa difficile far stare un uovo in piedi, basta avere un poco di pazienza e la mano ferma.
Tutte le cose hanno un punto d'equilibrio.

Quest'uovo può rimanere in piedi sul mio tavolo per giorni ma basta uno spiffero d'aria per farlo cadere.

gatti

 chi sa per quale motivo ai gatti piacciono tanto le scatole anche quando sono un po' scomode


                                                          La gatta del mio vicino

la fola di Pochettino

Se c'è una favola con cui, oltre a raccontarla, si può giocare con i bambini è questa.
Si possono nominare vicini di casa che i piccoli conoscono e cambiare di volta in volta, assieme ai bimbi, i luoghi dove Pochettino si nasconde. Inoltre la favola può cambiare in base all'età ed alle conoscenze che il bambino acquisisce.
Per mia esperienza i bimbi s'interessano fino dal secondo anno d'età.
 Questa è la versione che racconto a bimbe di due e tre anni.

                                             
                                                 La fola di Pochettino
                                             
                                                     (una mia favola)

C'era un tempo in cui gli animali  parlavano  con le persone e in quel tempo c'era una donna sola che non aveva figli, voleva tanto una bambina e chiedeva a Luigi (qui si fanno nomi di persone note al bimbo):
"O Luigi lo sai dove si trovano le bambine?"
"No io non ho bambini ho solo un gatto" Diceva Luigi.
Allora la donna andava dalla Sara..."Sara lo sai tu dove si può prendere una bimba piccina?".
"Non lo so io ho un bambino" Diceva Sara
La donna chiedeva anche agli animali del bosco ma nessuno lo sapeva.
Un giorno la donna, tutta triste, era nei campi e vide volare tanti uccelli grandi e gli domandò:
"Chi siete?.. Dove andate?"
"Noi siamo le cicogne ed andiamo lontano lontano, di la dal mare dove fa caldo perché qui c'è freddo"
"ma voi lo sapete dove stanno le bimbe piccine?"Gli chiedeva la donna.
"Si noi lo sappiamo dove trovare le bambine, quando farà caldo torniamo e ne portiamo una pure a te" E le cicogne volarono via.
La donna si mise a far vestitini e magliette per la bimba che tanto aspettava.
Arrivò la primavera ed un giorno sentì bussare alla porta.
"forse è Luigi" pensò
Aperse ma davanti alla porta non c'era nessuno, stava per chiudere quando s'accorse che in terra c'era un pezzo di stoffa bellissimo con tanti colori.
" Chi avrà lasciato questa stoffa? Sembra una bandiera"
E quando stava per chiuder la porta Sentì:  "Uèèèè...uèèè"
" Ei ma qui c'è un piccolino che piange!!"
La donna aperse il pezzo di stoffa colorata e trovò non una bambina ma un bambino piccolo, ma cosi piccolo che era uguale al suo dito mignolo.
Tutti i vestitini che aveva preparato erano troppo grandi e la donna tagliò una manica
 della sua maglia e ci fece abitini per il bimbo che decise di chiamare Pochettino.
Pochettino stava bene ma continuava a rimaner piccino, sorrideva, iniziò a parlare, a camminare..E qui cominciarono i guai perché lui che era tanto piccino si nascondeva dappertutto, nelle scarpe della mamma, nei cassetti , nei vasi dei fiori.......
Un giorno la mamma non riusciva a trovarlo
"Pochettinoooo...Pochettinooo..." Chiamava, ma niente da fare perché lui aveva la brutta abitudine di non rispondere.
La mamma andò a cercarlo anche nella stalla.
 "Pochettino dove sei?"
"Sono nella mucca" Rispose il birbantello.
" Sicuramente la mucca l'ha mangiato mentre lui stava tra l'erba, ora dovrò prendere forbici, ago e filo, aprire la pancia della mucca e poi ricucirla."
Era un gran lavoro, ma improvvisamente la mucca cominciò a scuotere la testa e disse che le prudeva un orecchio.
La mamma ci guardò dentro e li ci stava Pochettino, la donna contenta d'averlo ritrovato lo portò a casa e ve lo chiuse bene dentro.
Poi andò al mercato in cerca d'un campanello ma erano tutti troppo grandi, finché vide una ragazza che vendeva braccialetti con piccoli campanellini, così ne comprò uno ed arrivata a casa legò un campanello ad un nastrino e lo mise al collo di Pochettino.
Da quel giorno ogni volta che il birboncello s'allontanava la mamma se ne accorgeva subito.


 

bacche di biancospino

Dopo la moltitudine di  fiori bianchi, sbocciati ad inizio primavera, il biancospino a fine estate si ricopre di copiose bacche rosse










mercoledì 19 agosto 2015

Le mie ricette: pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro fa parte della cucina povera della Toscana.
Probabilmente ci sono diverse versioni, questa è quella che ho mangiato questa sera fatta come già faceva mia nonna e poi mia madre.

è questo un piatto semplice che vale la pena di provare, e cosa non da poco serve per recuperare il pane.

Pappa al pomodoro



                                                               Ingredienti:
                                                   pane raffermo, meglio se cotto a legna,
                                                   pomodori,
                                                   uova (facoltativo)
                                                   salvia,
                                                   aglio,
                                        olio extravergine.

Si fa scaldare nell'olio un poco d'aglio tritato ed alcune foglia di salvia intere.

Si aggiunge il pane raffermo spezzettato, acqua fredda pomodori pelati e sale e si mette a cuocere a fuoco basso facendo bollire per 5 minuti.

Un attimo prima di spegnere il fuoco vi si rompe dentro un uovo ogni due porzioni e si mischia velocemente.

Si tolgono le foglie di salvia e si aggiunge un poco di pepe.

La pappa al pomodoro si serve con formaggio pecorino grattugiato.


Non ci sono, per questo piatto dosi precise perché dipende un po' dai gusti personali ad esempio c'è chi la preferisce più o meno liquida o chi mette l'aglio intero per poi toglierlo.

martedì 18 agosto 2015

dal mio orto: rose

buona giornata a tutti



la mia torta


la mia torta


tramonto

la montagna si fa buia e la pianura s'accende di luci



un buon fine giornata a tutti voi dalla mia cucina toscana

dal mio orto: rose

le più spinose tra le mie rose



paesi dell'alta Versilia: Fabbiano



il paese di Fabbiano


le mie ricette: panzanella toscana


La panzanella toscana  è un piatto che in campagna abbiamo sempre fatto con le verdure che l'orto offre in questa stagione ed anche per recuperare il pane quando diveniva troppo duro.


la panzanella toscana


per questo piatto non ci sono dosi precise ma metterò gli ingredienti che ho usato io

cipolle,
cetrioli,
pomodori,
gambo di sedano,
pane raffermo,
olio extravergine,
aceto e sale.

Si sbucciano i cetrioli, si condiscono con sale e si mettono in uno scolapasta per fargli perdere un po' d'acqua.
S'inumidisce con acqua il pane, meglio se pane toscano cotto a legna e si spezzetta con le mani.
Al pane s'aggiungono i cetrioli, i pomodori, il sedano e le cipolle, se di queste non piace il gusto forte, Si possono precedentemente tenere a bagno per circa 2 ore in acqua ed aceto in parti uguali.
Poi si condisce il tutto con olio, aceto, sale e volendo con un poco di pepe.

lunedì 17 agosto 2015

dialoghi versiliesi 1)

  Questo è un dialogo comprensibile ai vecchi versiliesi


"o Cè ce Cè',

"No Ro', Cè un c'è"

"Allora se Cè' un c'è dtigli che son passa e salutate Cé' "


= " Cesira c'è Cesare?"
" No Rosalba Cesare non c'è",
"Allora se Cessare non è in casa ditele che sono passata e salutate Cesare".

domenica 16 agosto 2015

le mie ricette:la zuppa di LORENZO il MAGNIFICO

Una volta in Toscana nei giorni di festa ,spesso si faceva la zuppa inglese.

sembra che questo dolce si consumasse già alla corte dei Medici

Personalmente lo preferisco al tiramisù non fosse altro perché mi riporta ai sapori di tanti anni fa ed in più non contiene uova crude. 

La mia zuppa inglese

Per fare questo dolce ho usato anche un po' di panna montata per dare sofficità alla crema pasticcera.

Ingredienti:

circa un litro di crema pasticcera,
200 g. di savoiardi,
200 g. di panna fresca,
un bicchiere di alchermes.

Si monta la panna, dopo averla tenuta assieme alla ciotola un quarto d'ora nel congelatore.

Un poco per volta mischiando dal basso verso l'alto, s'aggiunge la panna alla crema fredda.

In un piatto si bagnano i savoiardi con l'alchermes e se ne mette uno strato sul fondo del piatto da portata, si continua alternando strati di crema con strati di savoiardi.

Prima di servire si tiene in frigo per qualche ora.

I savoiardi possono esser sostituiti con pandispagna tagliato a fettine.

http://raccontareunpaese.blogspot.it/2016/05/le-mie-ricette-crema-pasticcera.html



                  Un saluto a tutti voi dalla mia cucina toscana

sabato 15 agosto 2015

detti versiliesi: la canapa...




Disse un giorno la canapa al lino:

"Quando te ti frusti io mi raffino"

= Quando tu ti consumi e ti laceri  io do il meglio,divengo morbida"

Il lino era ritenuto tessuto per signori, mentre la canapa era lavorata da molte famiglie e ne risultava un tessuto ruvido e resistente che con l'uso ed i ripetuti lavaggi diveniva più morbido.

andar per more selvatiche

Iniziano a maturare le more selvatiche ed andarle a raccogliere, magari con i bambini può essere piacevole, ma fate attenzione perché spesso tra i rovi ci sono bacche velenose come queste ed i piccoli potrebbero mangiarle.



venerdì 14 agosto 2015

le mie ricette: vecchi sapori


Questo è un modo molto vecchio e laborioso di fare conserva di pomodoro.

Non credo che venga fatto ancora oggi.

Avendo il necessario ho voluto provare per sentire ancora questo sapore


conserva di pomodoro pronta





Dopo aver ben cotto i pomodori
si mettono in un telo o sacco di
cotone  lavato a mano.
Poi si appende e si lascia a perdere
 il liquido per una notte.















Ne verrà fuori un liquido trasparente
mentre la polpa rimarrà tutta nel telo.















Il giorno dopo attraverso questo attrezzo
con le mani si passava la polpa di pomodoro.

A fine lavoro le mani delle donne erano
bianchissime perché il pomodoro funziona da
peeling.


La polpa ottenuta veniva stesa ed esposta al sole sopra apposite tavole in legno, la sera veniva ritirata e così per più giorni.

Quando la conserva di pomodoro era pronta (vedi prima foto) si metteva in vasi di terracotta coprendola con olio ed ogni volta che si voleva usare si diluiva con acqua.

è un procedimento che richiede tempo ma si ottiene una conserva buonissima sopratutto con pomodori cresciuti in questa zona perché sono dolci.